Questo sito utilizza i cookies per la gestione della navigazione. Proseguendo o cliccando su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo.

Carnevale a Santa Chiara


Martedì grasso, i gruppi “meno giovani” dell’Unità Pastorale si sono voluti regalare una “perla” gioiosa. All’ora convenuta puntualissimi, ci siamo ritrovati nella bella chiesa della Parrocchia di Santa Chiara.

Il parroco Don David e Flavio hanno fatto gli onori di casa, ci hanno raccontato di come nel lontano 1983 è nata la Parrocchia di Santa Chiara per lo spirito d’iniziativa forte di un gruppo di giovani guidati dall’indimenticato Don Felice; e di come Don Domenico ha proseguito nella guida della comunità per oltre tredici anni. Abbiamo concluso l’incontro con bugie, torte, cioccolata calda e qualche canto spensierato, oltre 70 persone hanno condiviso due ore di fraterna allegria. Un grazie di cuore agli amici di Santa Chiara che hanno organizzato tutto alla perfezione. 


Le prossime perle: il 10 marzo incontro con il Vescovo Mons. Nosiglia a Maria Ausiliatrice, 25 marzo momento di preghiera alla Chiesa della Madonnina, 10 aprile visita guidata alla Chiesa di Santa Croce, 14 maggio pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo Sesia, di tutte queste belle iniziative saranno date informazioni dettagliate con opportuni avvisi. 

 

Commissione Anziani

Le perle degli anzianiLe perle degli anziani

Non sono appariscenti come i gruppi dei bambini. Non sono vivaci come i gruppi dei giovani o intrapendenti come i gruppi delle famiglie. Ma pure ci sono. Una presenza discreta, qualche volta anche scarna quantitativamente, condizionata più di altre dalla salute precaria o dal servizio ai nipotini. Ma una presenza sempre preziosa e a suo modo arrichente. Sono i gruppi anziani delle nostre Parrocchie.

Con fedeltà si riuniscono ogni settimana per pregare, approfondire la conoscenza della Parola di Dio e della vita della Chiesa, confrontarsi sulle attese e le preoccupazioni connesse alla "terza età", organizzare iniziative che vengono proposte all'intera assemblea dei fedeli e alla popolazione anziana dei nostri quartieri. Da tempo, i responsabili dei gruppi anziani delle nostre Parrocchie si coordinano in un organismo a livello di Unità Pastorale che, tra l'altro, propone la scoperta delle "perle": luoghi, persone, tradizioni, a volte poco conosciute, che pure esprimono la vita di fede della nostra Città. Nell'anno della Fede, in specifico, abbiamo vissuto con intensità particolare due di queste "perle".

A marzo, nella chiesa di S. Giuseppe, don Filippo ci ha aiutati a "vedere, leggere e interpretare" le nuove vetrate che si richiamano alle antiche icone bizantine e che rappresentano quindici feste dell'anno liturgico. Negli spazi della Parrocchia Madonna dei Poveri abbiamo scoperto la storia delle apparizioni della Vergine Maria avvenute a Banneaux: si era a maggio e di lì a poco sarebbe stata inaugurata e presentata alla popolazione del quartiere la statua della Madonna dei Poveri e la piazza intitolata a Padre Cherubino, che per tanti anni ha accompagnato la vita degli anziani di Collegno.

Fede e vita, storia e arte, Collegno e il mondo si sono intrecciati in questi due bei pomeriggi, ma anche nelle tante occasioni che negli anni passati abbiamo vissuto e che ci hanno portati, tra l'altro, a visitare il Castello Provana, ad ammirare incantati la perfezione dei presepi nelle chiese di S. Croce e della Madonnina e il gruppo di sculture del Clemente nella chiesa di S.Lorenzo, a metterci in cammino con gli antichi pellegrini che nei secoli hanno dato vita ai santuari che fanno bello il nostro Piemonte. Tra l'altro: al santuario di Graglia, durante l'ultimo di questi pellegrinaggi abbiamo dato un "benvenuto ufficiale" al gruppo anziani della Parrocchia di S. Chiara, da poco inserita nella Unità Pastorale di Collegno. E' un gruppo particolarmente numeroso, se ne è accorto subito chi ha organizzato la giornata: ci sono voluti due pullmann e altri mezzi di appoggio. Un bel segnale in chiusura dell'anno pastorale!

Ora si ricominciano gli incontri nei gruppi anziani parrocchiali, proprio mentre l'Anno della Fede volge al termine. Mentre questo giornale va in stampa vengono diffusi i programmi dei rispettivi gruppi: incontri, momenti di condivisione e allegria, approfondimenti culturali e opportunità di servizio. E "perle". Perchè la Fede è veramente il tesoro più grande che abbiamo incontrato nella nostra vita.

Piergiuseppe PRATO

(da: "Collegno Comunità", 20.10.2013, pag.VIII)

Editoriale

GLI ANZIANI NELLA BIBBIA

Il tema “anziani” è di scottante attualità soprattutto per noi occidentali che viviamo in una società che invecchia a vista d’occhio, e in cui il numero degli ultrasessantacinquenni ha abbondantemente ormai superato quello della popolazione sotto i vent’anni. L’Italia si conferma uno dei Paesi più vecchi al mondo. Con 151,4 persone over-65 ogni 100 giovani con meno di 15 anni, presenta uno degli indici di vecchiaia più alti al mondo. Tra i Paesi europei solo la Germania ha un valore più alto (158) mentre la media Ue28 è 116,6. Lo scrive l’Istat nel Rapporto annuale. La speranza di vita è di 79,6 anni per gli uomini e 84,4 per le donne. Anche in questo caso l’Italia è sopra la media europea (ANSA, 28 maggio 2014).
Se si cerca nella Bibbia una trattazione specifica sull’“anziano” e più ancora sui suoi rapporti con il resto del nucleo familiare, si troverà poco, perchè la Rivelazione divina, a differenza di quanto avviene spesso nella nostra società, non ha emarginato i vecchi, ma li ha considerati parte integrante del popolo di Dio, a pieno titolo oggetto e protagonisti al contempo del piano di salvezza di Dio. Eppure, anche se nella Bibbia manca una trattazione particolare degli anziani come gruppo, varie volte si parla della vecchiaia.

Leggi tutto...